La cucina e' la mia grande passione e sarei felice di condividere cio' che so con chi la pensa come me. Bisogna sempre confrontarsi nella vita in quanto adotto il motto campano che dice:(Nisciuno nasce imparato), non credo serva una traduzione!
"Benvenuti a tutti gli amanti della cucina mediterranea"
Loading...

martedì 23 febbraio 2010

PAPPARDELLE CON ZUCCA E CREMA DI ASIAGO

Ingredienti:
1 zucca ,1 spicchio d'aglio,olio d'oliva, peperoncino, formaggio asiago ,latte, burro,patate liofilizzate.

Preparazione:
Tagliuzzare a dadoni la zucca dopo averla ripulita dalla buccia,soffriggerla in olio d'oliva insieme ad uno spicchio d'aglio e del peperoncino (q.b.).
Continuare la cottura finche' la zucca sara' diventata quasi una crema (c.ca 25/30 min.).
In un pentolino antiaderente versare un bicchiere di latte ,una noce di burro e dell'asiago a pezzettini.
Cuocere a fuoco lento fino a scioglimento del formaggio.A quasto punto vesiamo due cucchiai di patate liofilizzate (preparato per pure'),sale q.b.
Cuocere le pappardelle al dente.Scolare le pappardelle in una padella fonda dove precedentemente avevamo unito la zucca con la crema di formaggio,mantecare per qualche minuto e servire in piatti piani.

Pasta sfoglia


Ingredienti

Farina forte (americana) gr 250

Farina per dolci "00" gr 250
Zucchero gr 5
Sale gr 10
Acqua gr 300
Burro per le girate gr 500

PROCEDIMENTO Lavorare tutti gli ingredienti del pastello con 250 gr di acqua; quando l'impasto e' asciutto ed elastico aggiungere la rimanente acqua in 2 riprese.
Quando l'impasto e' asciutto ed elastico formare un panetto e mettere a riposare coperto, per 1-2 ore in frigorifero.
Spolverare il panetto di burrro con farina; stendere il panetto di burro, come fosse un pastello, fino a formare un rettangolo alto 1 cm (con temperatura superiore ai 20 °C riporre il panetto di burro in frigo).
Trascorso il tempo di riposo, col matterello stendere la pasta e formare un rettangolo dello spessore di 1 cm circa; stendere sul pastello il panetto di burro.
Dare 2 volte le pieghe a tre e lasciare riposare per 30 minuti in frigorifero.
Ultimare la lavorazione con due ulteriori tirate a 4.
Lasciare riposare in frigo per 24 ore prima dell'utilizzo definitivo.

lunedì 15 febbraio 2010

Crema di carote con pate' di tartufo nero


difficolta' :bassa

Preparazione

Per 3-4 persone prendete circa 10 carote ,pulitele bene con il pelapatate,mettetele a tocchetti in pentola con quattro dita d’acqua,(meglio se cotte con la pentola a pressione).
Fate cuocere per almeno 30 minuti. Quando sono cotte , togliete un po’ d’acqua e tenetela da parte (nel caso fosse troppo densa la crema), frullate tutto con il minipimer, aggiungete sale, noce moscata, una noce di burro,del parmiggiano grattuggiato,(un cucchiaio di panna da cucina).
Dododicche' riscaldate il tutto a fuoco lento,mescolando la crema con una frusta da cucina.
Servire in piatti fondi,(il massimo sono le ciotole di terracotta).
Servire la crema con del pate' di tartufo nero adagiato nel mezzo del piatto e un filo di olio extravergine d'oliva .Vi assicuro che e' un abbinamento di sapori sublime!

sabato 13 febbraio 2010

Pesto alla trapanese (pistu a trapanisa)


E'un piatto tipico della cucina trapanese, di antiche origini.Si racconta che sia stato inventato presso il porto di Trapani dai marinai genovesi che pur di fare il loro pesto,sfruttavano le materie a disposizione.
È una salsa cruda. Gli ingredienti principali sono il basilico, il pomodoro, le mandorle.
La pasta utilizzata tradizionalmente sono i busiati, una pasta fresca, sorta di maccheroni attorcigliati con un ramo di buso, che è il fusto della disa. Si possono però utilizzare anche bucatini o linguine.
Gli altri ingredienti della ricetta "classica" sono: l'aglio , l'olio extra vergine d'oliva , il pecorino (non eccessivamente stagionato) grattugiato e il pepe nero.Dosi x quattro persone: 6 pomodori maturi, 50 g di mandorle sgusciate, 15-20 foglie di basilico fresco, 1 o 2 spicchi d'aglio, olio d'oliva, sale e pepe .Si pesta nel mortaio l'aglio insieme al sale e al basilico: ruotare il pestello, schiacciando e non martellando gli ingredienti lungo le pareti. Unire man mano dell'olio finché la salsa diventerà come crema.
Pestate a parte le mandorle spellate e crude, fino a farne diventare poltiglia, e quindi amalgamatele al pesto. Il tutto, infine, va mescolato alla polpa tritata fine dei pomodori (senza buccia), unendo infine altri due cucchiai d'olio. (Non frullare mai il tutto!)

miscelare il tutto aggiungendo un paio di cucchiai di pecorino grattugiato. C'è chi invece del formaggio, aggiunge sopra la pasta del pan grattato tostato (mollica). E d'estate, insieme al basilico, aggiungete anche un paio di foglie di menta fresca.

Magari il piatto non sara' semplicissimo da preparare ma vi assicuro che ne vale davvero la pena!

Scialatielli alla pescatora (Cilento)



Ingredienti
350 g di Scialatirelli, 100 g di gamberetti, 200 g di cozze, 200 g di vongole, 100 g di calamari, passata di pomodoro, un bicchiere di vino bianco, uno spicchio d'aglio tritato, sale e pepe.

Preparazione
In un tegame scaldate l'aglio e il prezzemolo in 4 cucchiai d'olio. Unite i calamari, i gamberetti, le cozze aperte, le vongole e il vino bianco (far sfumare il vino).
Unite il passato di pomodoro, cuocete a fuoco moderato per 15 minuti.
Nel frattempo lessate gli scialatielli in abbondante acqua bollente e salata, scolate e condite con la salsa preparata.
P.S mantecate il tutto almeno 1 minuto per far unire ben bene i sapori!

venerdì 12 febbraio 2010

Le chiacchiere


Dolce tipico di questo periodo,difficolta'minima.
Premetto che ci sono due modi di preparare le chiacchiere:una e'con il lievito, l'altra e'senza lievito (VIENE + CROCCANTE).

Ingredienti per circa 80 chiacchiere

* Burro 50 gr
* Farina 500 gr
* Lievito in polvere 6 gr
* Sale 1 pizzico
* Uova 3 intere e 1 tuorlo
* Vanillina 1 bustina
* Zucchero 70 gr

IMPASTARE PER CIRCA 10 MINUTI.
Per la pasta lievitata (lasciarla riposare circa 30 min.avvolta in della carta velina).Stendere la pasta come per fare della sfoglia,tagliare nella forma che preferite e friggete in abbondante olio ben caldo (ma non troppo).
Una volta scolate le chiacchiere ,lasciare raffreddare e ricoprire con zucchero a velo.
p.s. max. 1 minuto e la chiacchiera deve uscire dall'olio ,altrimenti CARBONEEEEE!!!

giovedì 11 febbraio 2010

Costolette di maiale con broccoli


Questo e' un secondo piatto tipico della cucina campana.
Molto facile da realizzare e decisamente nutriente e ricco sia di proteine che di vitamine.

Soffriggete delle costolette di maiale in una padella insieme a olio extravergine di oliva, uno spicchio d'aglio e del peperoncino rosso.

A parte bollire dei broccoli di cavolo con un pizzico di sale , quindi scolarli ancora croccanti e unirli alle costoletta per quache minuto fino a far mescolare i sapori.
Buon appetito!